I pennelli di Edvard Munch diventano strumenti digitali

Adobe ha presentato Hidden Treasures of Creativity (I tesori nascosti della creatività), un progetto innovativo unico nel suo genere, che ricrea grazie alla tecnologia digitale i pennelli ultracentenari di Edvard Munch per ispirare una nuova generazione di maestri pittori. In collaborazione con il Museo Munch di Oslo e con Kyle T. Webster, produttore pluripremiato di pennelli Photoshop, Adobe ha riprodotto digitalmente sette pennelli originali di Munch e li ha messi a disposizione degli utenti di Photoshop e Sketch di tutto il mondo all’interno di Creative Cloud.


Grazie a una stretta collaborazione con gli esperti di conservazione del Museo Munch, i pennelli originali dell’artista sono stati fotografati a 360 gradi utilizzando fotocamere ad altissima risoluzione, in grado di riprendere ogni angolazione e ogni dettaglio per creare una rappresentazione tridimensionale precisa. Lo stile artistico e la pennellata di Munch sono stati attentamente analizzati dagli esperti e associati ai dati dei pennelli, tra cui le proprietà fisiche come flessibilità e tipo di setole.




Il processo di trasformazione di dati e scansioni in pennelli Photoshop è stato poi svolto da Kyle T. Webster, considerato da molti la massima autorità mondiale in fatto di pennelli Photoshop. In collaborazione con gli esperti del museo, Kyle è riuscito a riprodurre la forma esatta e le prestazioni dei singoli pennelli, disponibili ora per il download e il loro utilizzo su Photoshop e Sketch.


Pennelli Munch

“Ci sono opere d’arte che tutti conosciamo e amiamo. Sono opere che trascendono il tempo e che influenzano i creativi di oggi e la società nel suo insieme, ma è raro che si pensi agli strumenti utilizzati per realizzare questi capolavori” spiega Simon Morris, Senior Director, Campaign Marketing, Adobe. “The Hidden Treasures of Creativity è pensato per riportare in vita questi strumenti e per metterli nelle mani di una nuova generazione di artisti. Musei come il Met di New York e il Rijksmuseum di Amsterdam stanno già mettendo a disposizione le loro raccolte online per contribuire a mantenere viva l’attenzione del pubblico verso l’arte classica. Questo progetto è un ulteriore passo avanti in questa direzione che permette agli artisti di oggi di riscoprire e fare tesoro dei pennelli di un maestro, e di utilizzarli per creare i loro personali capolavori.”

Altre News

 
 
Il colore Pantone 2018 è Ultra Violet

Il colore Pantone 2018 è Ultra Violet

Si era partiti con delle voci girate in rete ancor prima dell’annuncio ufficiale, infatti da diverse fonti è giunta notizia che il colore Pantone dell’anno 2018 sarà Viola, anzi Ultra Violet. A darne notizia per primo un blog che ha riferito una conversazione con una componente del comitato di selezione; per conferma è inoltre stato pubblicato un articolo […]

La rivoluzione della Creative Cloud di Adobe

La rivoluzione della Creative Cloud di Adobe

La prossima generazione di Creative Cloud è disponibile con nuovissime app per la progettazione UX, la composizione 3D, la fotografia e non solo. Tutto quello che serve per creare, collaborare e lasciarsi ispirare. Adobe rinnova la suite CC con nuovi software e versioni aggiornate delle varie applicazioni creative che la compongono; da Photoshop ad Illustrator, […]

La stampa nanografica finalmente all’opera

La stampa nanografica finalmente all’opera

Iniziammo a parlarne 5 anni fa, esagerando così: “una cosa che certamente ricorderemo di questa drupa e che quasi sicuramente rivoluzionerà il mercato della stampa da qui a pochi anni, sarà la tecnologia creata dall’Israeliano Benny Landa: la stampa nanografica“. “Dopo tanti anni di sviluppo, è finalmente giunto il momento cruciale di consegnare la nostra […]